Elenco blog personale

sabato 7 luglio 2012

Cervello: scoperte le zone dell'innamoramento






I risultati di una ricerca Usa che ha testato 17 giovani

L'amore «accende» due zone cerebrali collegate all'energia e all'euforia. Ma sono diverse negli uomini e nelle donne


Il segreto dell'innamoramento? E' nascosto in due aree del cervello. Quando arriva, l'amore «accende» infatti non solo gli occhi e il cuore, ma anche due zone cerebrali collegate all'energia e all'euforia. Una scoperta tutta americana, che conferma le sensazioni tipiche degli innamorati di tutto il mondo. Ma svela anche che uomini e donne reagiscono in modo diverso. Secondo uno studio della Rutgers University di New Brunswick (New Jersey), infatti, il cervello femminile dà una risposta più romantica, mentre nell'uomo si attivano anche le zone legate al desiderio sessuale.


SCANNER CEREBRALE
A svelare il segreto dell'innamoramento e le differenze fra i due sessi è stato lo scanner cerebrale di 17 giovani. I ricercatori hanno infatti sottoposto a risonanza magnetica i ragazzi, mentre mostravano loro le immagini della persona amata, alternandole a quelle di conoscenti o amici. Così hanno scoperto che il sentimento suscitato dalla dolce metà è collegato all'attivazione del nucleo caudato destro e dell'area ventrale tegmentale destra, e alla produzione di alti livelli di dopamina. Non a caso, la dopamina è una sostanza chimica cerebrale che produce sensazioni di soddisfazione e piacere.

 
UOMINI E DONNE
Elevati livelli di dopamina sono collegati a una maggiore energia, motivazione a raggiungere un obiettivo ed euforia. Oltretutto sembra che, di fronte all'immagine dell'amato, si accenda anche l'area cerebrale attivata quando si mangia la cioccolata. E più ci si sente «romantici» e innamorati, più queste zone del cervello «vanno in tilt». Ma se nelle donne ad attivarsi sono i punti che scatenano emozione, desiderio e attenzione, nella maggior parte degli uomini «fotografati» l'attività è concentrata anche nelle aree che elaborano le immagini, comprese alcune legate al desiderio sessuale.

 
ATTRAZIONE E AMORE
«Crediamo che l'amore romantico sia una forma evoluta di uno dei tre collegamenti primari cerebrali mirati alla riproduzione nei mammiferi - spiega sulla Bbc online Helen Fisher della Rutgers University - L'impulso sessuale si è evoluto per motivare i singoli a cercare un partner compatibile. L'attrazione, antenata dell'amore romantico, si è sviluppata per permetterci di scegliere compagni adatti, mentre il meccanismo cerebrale si è evoluto per consentirci di restare con un compagno abbastanza a lungo per allevare la prole e consentire, così, la sopravvivenza della specie». Ora i ricercatori intendono condurre uno studio su persone separatesi di recente, per capire cosa accade al loro cervello.

Amore cerebrale
La fase dell'innamoramento sarebbe radicata nel cervello
L'amore è un po' come un giro a Disneyland: partenza sulle "montagne russe" della passione sfrenata e poi il "trenino della paura" attraverso i labirinti della relazione e dell'assestamento amoroso, per catapultarci nel gran finale che per molti rappresenta la routine e per altri invece un triste epilogo: l'addio. Di tutte le fasi dell'amore quella più bella, più complessa e quasi inspiegabile è la fase dell'innamoramento.

Una molla che scatta quando lui vede lei e lei vede lui, quando si chiacchiera e si rimane affascinati, ammaliati dalle sue parole, dai suoi modi di fare, dalle sue espressioni, dal suo sorriso. Ma quali sono i meccanismi dell'attrazione, come si spiega che all'improvviso si prova qualcosa di diverso, il corpo è percorso dai brividi e da un desiderio irrefrenabile? Secondo Helen Fischer, antropologa della Rutgers University in New Jersey, l'istinto dell'innamoramento sarebbe profonda mente radicato nel cervello con caratteristiche distinte da quelle dell'attrazione sessuale. Autrice di alcuni best-seller tra cui "Il primo sesso" (tradotto in Italia da Lyra libri) e "Anatomy of Love", la Fisher ha deciso di dare le sue risposte agli interrogativi sollevati da W.H.Auden nel suo libro "La verità vi prego sull'amore".

Usando le tecniche della risonanza magnetica sul cervello di studenti di college nelle prime fasi dell'innamoramento, ha rintracciato i meccanismi neurologici dell'attrazione romantica. La scienziata ha analizzato oltre 300 scan di 18 studenti: la loro attività cerebrale subiva variazioni se al posto della foto del migliore amico era mostrata quella della persona amata. Le foto hanno rivelato senza ombra di dubbio che l'esperienza dell'innamoramento attiva le sacche del cervello con alta concentrazione dei recettori della dopamina, il messaggero chimico collegato agli stati di euforia e di dipendenza. L'innamorato si concentra su piccoli aspetti della persona desiderata e li rivive ciclicamente nella memoria: per esempio, come sorride dall'altro lato del tavolo o come muove la testa quando è in imbarazzo.

Gli studi hanno inoltre portato l'antropologa americana a classificare l'amore in tre varietà, in tre fasi collegate ad altrettanti diversi sistemi del cervello. Il primo è il sistema dell'attrazione erotica associata all'azione di ormoni come il testosterone e gli estrogeni. Il secondo, l'innamoramento, è collegato all'aumento di dopamina. Il terzo stadio è quello dell'attaccamento, il senso di piacere e di sicurezza che nasce dall'avere un partner a lungo termine.

6 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. A tutti quelli che parlano anche di didattica voglio ricordare che sotto i titoli iniziali del blog “amore psiche gabry” compare un pulsante di rinvio ad un altro blog guidato da me “nuova didattica gabry” quelli cui interessano i processi dell’intelligenza il cervello e la didattica in generale sono i benvenuti. Grazie. Gabry

    RispondiElimina