Elenco blog personale

venerdì 25 gennaio 2013

Anais Nin – La città interiore (Jennifer Lopez)










Un tuffo nella produzione letteraria di Anais Nin – La città interiore. Personalità e ricerca interiore. Analisi del suo Es ambiguo e dilatato.



Nel 1956 la Nin decise di raggruppare cinque romanzi da lei scritti nel corso degli anni, in un unico volume intitolato appunto "Le città dell'Interiore". I cinque libri furono concepiti con un'idea di continuità: i protagonisti erano sempre gli stessi ma ognuno veniva sviluppato in maniera autonoma in ogni volume. Una sorta di romanzo fiume, in stile proustiano, teso all'indagine della vita interiore, all'analisi introspettiva di tre donne (Djuna, Lillian e Sabina) che riassumono in loro le caratteristiche fondamentali dell'universo femminile. Attraverso i loro amori, la loro vita intima e segreta, l'autrice ci conduce in un viaggio negli abissi sommersi della psiche e delle emozioni, per svelare le "città dell'interiore".





Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011
 





L'idea di un unico volume che contenesse i romanzi non era sbagliata. E' vero che possono essere letti separatamente, ma il disegno d'insieme, la trama e l'ordito che creano l'arazzo finale sono visibili solo dopo aver letto tutti i volumi in sequenza (Scale di fuoco, Figli dell'Albatros, Le quattro stanze del cuore, Una spia nella casa dell'amore e Seduzione del Minotauro).
 Gli scritti assumono particolare rilievo dopo aver letto i volumi del "Diario". La Nin trae ispirazione dalla vita per le sue opere, e se questo è valido per qualsiasi scrittore, lo è cento volte di più per Anais. Visti sotto questa luce, tutti i romanzi non sono altro che una lunga confessione di amori, tradimenti, esperienze taciute e tenute nell'ombra per una vita intera. La verità è nel diario, quello non pubblicato e conservato presso L'UCLA: ma non c'è bisogno di andare fino a Los Angeles per capire che Djuna, Lillian e Sabina sono tre voci di una sola persona. L'io narrante è






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   2





sempre Anais la quale è libera di raccontare grazie al filtro dell'arte e della letteratura, evitando di ferire le persone che ama e salvando la sua esistenza dalla distruzione che i segreti, a volte, portano con sé.
 Ma naturalmente, l'opera non ha un valore esclusivamente biografico, così come non lo hanno i diari. Se entrambi fossero solo il racconto dell'esistenza di una donna, la Nin non sarebbe mai apparsa sugli scaffali di nessuna libreria. Ma la sua visione del mondo è universale, capace di raggiungere altre persone grazie ad uno stile poetico e delicato: la sua capacità di penetrazione nell'io, va al di là di quello personale e si fonde in una forza più grande per toccare una parte di ogni lettore. Le domande, gli stati d'animo, i sentimenti delle protagoniste di "Cities of Interiors" sono comuni e riconducibili a tutte le donne di oggi, ieri e forse domani perché l'animo umano, lo spirito di vita che muove ogni sua parola non conosce confini di tempo e spazio.





Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   3






1)     SCALE DI FUOCO
Scale di fuoco, pubblicato per la prima volta negli anni '40 a New York, è il primo della serie di cinque.
 La "trama" e i personaggi sono ispirati dalle esperienze vissute dalla stessa autrice e riportate poi nel "Diario I" e in particolar modo in "Henry and June". L'evento decisivo nella vita della Nin, l'incontro con Henry Miller e con sua moglie June, ha lasciato un segno indelebile in Anais che parte proprio da esso per arrivare a descrivere aspetti più universali delle relazioni umane.
 Tre donne e un uomo sono i personaggi di questa "fiaba realista" (e surrealista). E se l'uomo è chiaramente ispirato a Miller, le protagoniste non sono altro che i diversi aspetti dell'io disgregato della Nin che si cela e si divide tra di esse.
 Un romanzo molto più apprezzabile se si conosce la poetica della Nin che, nei suoi diari, spiega la genesi e gli intenti di questa opera per molti versi ambiziosa.
 Il fine ultimo è quello di raccontare esperienze e realtà vissute, senza rivelarne i contorni e i dettagli. La realtà di cui la Nin narra, non è oggettiva in quanto essa non






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   4
 





è mai univoca, ma solo il riflesso di ciò che interiormente vediamo e sentiamo. Profondamente influenzata dalla psicanalisi, il suo scopo è quello di raccontare la storia dei protagonisti attraverso i loro sentimenti. Si raccontano universi interiori capaci di plasmare la vita e le azioni e, in quest'ottica, riferimenti a fatti contingenti vengono omessi poiché superflui. Tutto è come un sogno. Coordinate spazio-temporali quali momenti del giorno e luoghi, sono volutamente assenti e ci si perde in un'atmosfera talvolta onirica nella quale si muovono i protagonisti. L'autrice nuota nell'inconscio dei suoi personaggi, in un mare di sensazioni, sentimenti, percezioni e da qui parte per descrivere il mondo esterno. Il tutto culmina nella scena finale del party, dove realtà e sogno si fondo. La figura surreale del Giocatore di Scacchi guida e introduce in questa festa dove tutti sono invitati ma nessuno è presente. Gli astanti, chiusi nelle loro personalità come cavalieri in armature di acciaio, lasciano trasparire poco di loro e si muovono in un universo di convenzioni e convenevoli. Parlano ma non comunicano, tutti quanti persi nella loro visione della realtà e di se stessi.





Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   5
 






"Dai bastioni di vetro della sua città interiore" Djuna (una delle protagoniste) riesce a vedere al di là dei travestimenti e delle deformità che ogni essere umano crea nella sua percezione del mondo esterno, per raggiungere il nucleo di tutti i partecipanti. 
 Cercare quale tra le protagoniste sia Anais Nin, quali tra gli eventi descritti siano veri e quali finzione, è un compito inutile. L'interazione tra la sua opera narrativa e il diario è la chiara dimostrazione che "la vita individuale vissuta profondamente si espande sempre in una verità che la trascende"



2)     FIGLI DELL'ALBATROS
 Secondo romanzo del ciclo della "Città Interiore", questo "Figli dell'Albatros" riprende i personaggi principali di "Scale di Fuoco": Lillian e Jay, Sabina e Djuna. Ed è proprio quest'ultima la protagonista del libro, o almeno, della prima parte di esso.
 Se nel romanzo precedente, la figura che risalta di più, quella che viene meglio delineata è quella della intraprendente e inquieta Lillian: se la relazione di lei con il dissacrante e irrequieto Jay è al centro dell'attenzione, qui un'altra donna e un altro amore vengono dipanati e svelati. Djuna e Paul vivono una relazione al limite della clandestinità, intensa quanto breve, ma capace di lasciare un segno indelebile nelle






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   6






"città dell'interiore" della giovane ballerina. Una storia d'amore ancora una volta estrema, vissuta con una passione bruciante, dove le protagoniste non si risparmiano nel loro darsi completamente all'amato e all'esperienza stessa.
 Djuna crescerà, diventerà adulta attraverso questa conoscenza di un ragazzo molto più giovane di lei, diraderà le nebbie dell'adolescenza ancora presenti per trasformarsi in una donna adulta.
 Contemporaneamente continuiamo a seguire Sabina e Lillian nelle loro vite interiori sempre in subbuglio, in un perenne stato di cambiamento. E così come "Scale di Fuoco" si chiudeva con la scena onirica della festa inesistente a cui partecipano tutti i personaggi, anche in "Figli dell'Albatros" le vicende diverse portano i protagonisti a ritrovarsi in uno dei tanti caffè parigini per un'ultima corale immagine che riassume in sé tutti gli stati d'animo, i sentimenti e le emozioni che lo stesso racconto esprime così bene. Da notare che proprio al tavolo di questo caffè, le due storie d'amore finiscono: Lillian capisce che non ha modo di liberarsi della figura incombente, invadente e assoluta di Jay se non lasciandolo, e Djuna è ormai consapevole che la relazione con Paul è stata troncata definitivamente dalla partenza di lui per l'India.





Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   7
 





Come seguito di "Scale di Fuoco" il romanzo prosegue nella descrizione delle protagoniste. Ma invece di definire meglio le tre figure, man mano che si procede nella lettura, si ha l'impressione che Djuna, Lillian e Sabina formino un'unica entità, una sola donna. Le caratteristiche di una si fondono nelle altre, molti tratti sono comuni così come gli atteggiamenti, che non identificano ma si confondono e non sembrano appartenere unicamente a una delle tre. Lo si nota nell'identificazione (temporanea) di Lillian con Sabina, e la confusione emotiva di Djuna non è poi tanto diversa da quella di Lillian (anche se si manifesta in modo differente). E non c'è bisogno di guardare troppo attentamente per capire che, questa unica figura che le tre donne vanno a formare, ha un nome ben preciso: Anais Nin.



LE QUATTRO STANZE DEL CUORE
 C'è un filo rosso che unisce tutto il ciclo di "Cities of Interiors" ed è la sensualità. L'amore fisico che a volte è causa, a volte conseguenza di un sentimento più grande e completo che finisce per coinvolgere tutto l'essere.
 In "Figli dell'Albatros", Djuna s'innamora dell'adolescente Paul perché il lui vede un riflesso di quell'età che non ha ancora del tutto passato. In lui c'è una parte di Djuna che non è stata dimenticata, che riemerge e che fa scaturire l'amore tra i due. La protagonista si ritrova a vivere (e rivivere) aspetti della sua adolescenza che sono ancora radicati e dai quali si staccherà definitivamente solo dopo avere affrontato





Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   8





la storia d'amore con un ragazzo più giovane. Djuna segna il suo passaggio ultimo alla maturità attraverso questa esperienza che parte dall'anima, dal bisogno tutto interiore di riconoscersi in Paul e arriva al corpo, dando vita ad una storia nata già finita, che renderà il loro amore ancora più intenso e passionale.
 Il processo inverso sembra avere luogo, invece, in "Le quattro stanze del cuore" dove è la passione fisica a dominare. Djuna s'innamora di Rango, della sua pelle, dei suoi occhi, del suo corpo. E da questa relazione sensuale e erotica, nascerà un amore dalle catene molto più difficili da spezzare di quanto di creda. Pur di passare una notte con Rango, di vivere pochi momenti con lui, di averlo tutto per se, Djuna sarà disposta a vivere "una stagione all'inferno". Il fantasma di Zora, l'ipocondriaca moglie di Rango, si instaurerà tra di loro dando vita ad un torbido e triste gioco a tre. Djuna si trova invischiata in un rapporto a tratti morboso, ma dal quale non può e non vuole uscire.






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   9





Anche questa volta, vivrà fino in fondo questa esperienza, nella quale il suo amore per il vagabondo gitano diventerà più forte e radicato giorno dopo giorno. Un amore nato dal desiderio ma che la porterà lontano, nei bassifondi delle città dell'interiore, luoghi tetri e sconosciuti che però sono parte della protagonista stessa e che lei esplorerà senza risparmiarsi.
 E' un racconto sulla potenza dell'amore, su quanto ci possa fare cambiare, su quanto sia pericoloso inseguire un sogno. Djuna non ama il vero Rango, ma solo l'immagine iniziale che ha di lui: il bel vagabondo con la chitarra in spalla e il cavallo sempre sellato: un personaggio appena uscito dal "Romancero Gitano" di Garcìa Lorca. Rango non ama Zora, ma solo una parte di lei a tal punto che diventa cieco a tutto il resto, da non riuscire a capire la sua vera natura di malata immaginaria. L'unica che, paradossalmente, ha la visione chiara di tutta la relazione è Zora stessa, la malata appunto. Dal suo letto di finta inferma, regge i fili di questo menàge à trois e ne dirige la danza, facendo fare al marito e all'amante di lui ciò che vuole.
 Djuna muore (non in senso fisico) nella scena finale. S'inabissa nell'idea di un potenziale suicidio che metta fine a quella parte così masochista e autodistruttiva, per risorgere, infine, come un'araba fenice al sole del nuovo giorno.






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   10







UNA SPIA NELLA CASA DELL'AMORE
 Protagonista di questo quarto volume è Sabina, una figura irrequieta e in perenne movimento da un amore all'altro. E con il mutare dell'amore, muta anche la sua persona. Artefice di mille cambiamenti e mascheramenti, si muove tra un rapporto e l'altro e in ognuno ritrova e perde una parte di se stessa. La Sabina che sta con il paziente e immutabile Alan, non è uguale a quella che si arrende al sensuale e ironico Philip o al giovane e disperato John ….. mille donne in una sola. Sabina è un'attrice nel perenne ruolo dell'amante e in questo ruolo da tutta se stessa, così come Lillian e Djuna. Ma in questo suo vagare da un amore all'altro, in questo suo creare ruoli diversi, Sabina si perde, si confonde: e dietro a tutti i suoi uomini, oltre tutte le sue relazioni lei, dov'è? Sembra che la sua personalità si sia frantumata in tutte le






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   11





donne che ha incarnato e che dietro ad una maschera ce ne sia un'altra e poi un'altra ancora, all'infinito. Non si riesce mai a toccare il suo vero essere, il nucleo centrale, forse perché non esiste. E' un personaggio perduto nel caleidoscopio dei suoi amori, perennemente in fuga: proprio come una spia. E come una spia ha il terrore di essere imprigionata, imbrigliata in un'unica personalità univoca e immutabile (come quella di Alan). Questa sua ossessione la spinge a scivolare da un letto all'altro, da una stanza d'albergo a un cottage sul mare, alla ricerca di una libertà che la lega ogni giorno di più con invisibili lacci.
 Come una spia ha il terrore di essere scoperta e che le sue mille vite, invenzioni e bugie s'intreccino e vengano alla luce, smascherandola definitivamente e mettendo a nudo il segreto più grande: che Sabina non c'è.
 Ispirato inizialmente alla moglie di Henry Miller, June, la protagonista diventa, così come Djuna e Lilian, la voce dell'artista. Di






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   12





certo Sabina è June quando la conosciamo in "Scale di Fuoco", ma qui è Anais Nin. Basta leggere i diari per capire quanto si riveli, quante confessioni siano contenute in "Una spia…" così come negli altri romanzi. Una confessione trasfigurata in arte e diventata romanzo, dove mancano riferimenti di spazio, tempo, nomi, luoghi, ma che custodisce la quintessenza di Anais. Del resto fu lei stessa a dire: "
 A buon intenditor poche parole.



SEDUZIONE DEL MINOTAURO
 Ultimo capitolo di Cities of Interiors, questo "Seduzione del Monitauro" chiude simbolicamente un cerchio iniziato con "Scale di Fuoco" la cui protagonista è sempre la stessa: Lillian. Ma la donna che ritroviamo qui è molto diversa. E' una donna in fuga, da un matrimonio a pezzi, dal suo passato e da se stessa. Una donna che vuole raggiungere il nucleo del suo essere, scoprire la verità nascosta. Una donna che si perderà nel labirinto di maschere, di volti e personaggi che negli anni hanno costruito la Lillian che altri hanno amato. Movendosi in questo dedalo di cunicoli della memoria, oscillando tra passato e futuro, arriverà a






Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   13





capire che, nel labirinto interiore del suo essere è nascosto un Minotauro, un mostro che la impaurisce e la terrorizza: è il suo vero io, la Lillian non vista con gli occhi degli altri, ma attraverso i suoi. Non una mistificazione di se stessa, ma la sua vera immagine. Lillian si giudica e si accetta e forse per questo ritrova un equilibrio che aveva perduto molto tempo prima.
 Fa da sfondo un Messico fatto di colori, sapori, sensualità. Non è il Messico reale, quello con coordinate geografiche precise, ma un paese visto e vissuto attraverso gli occhi della protagonista. Tutto viene filtrato dalla voglia di vivere e di dimenticare di Lillian e la città di Golconda, le amicizie messicane si trasformano nella concretizzazione di un caos e di una confusione tutta interiore. Ciò non toglie fascino ad una terra calda e primitiva come quella sudamericana, anzi: sembra di sentire ancora di più i suoi odori e i suoi profumi, simboliche epifanie di un passato che carica ogni luogo di un profondo significato. I luoghi sono volontariamente tracciati senza oggettività, per dare un'atmosfera da sogno, senza tempo: perché la vita non ha orologi o tabelle di marcia da seguire, ma un flusso continuo dal quale Lillian si lascia trasportare.
      
Jennifer Lopez - People - Donna più bella del mondo 2011   14
    

10 commenti:

  1. Gabry sono Giuliana Passera, ti ricordi di me? Ti mandavo messaggi ad agosto da Tropea! Non ci siamo mai visti, ma non ho mai smesso di seguirti. Negli ultimi tempi qualcosa è cambiato. Una che forse ti conosce meglio di me, Lucrezia si lamenta del tuo stato! Come mai? Sembra come se da settembre avessi avuto una ferale notizia, che però non conosco. E’ inutile promettere di scendere e non scendiamo mai, ma ci terrei a guardarti nel bianco degli occhi! Ma lo sai che hai superato in 6 mesi le 50.000mila visite! Cavolo ma lo sai o non lo sai. Un mio amico che scrive di cinema, è preparato ed altro, scrive da più di un anno e ha la metà dei tuoi seguaci! Svegliati! Ti siamo vicine e ti sosteniamo. Dai uno schiaffo morale alla vita e a “chi non vuole più credere in te”. Una non vale cinquantamila e da tutto il mondo! Un bacio e un abbraccio! Giuliana58

    RispondiElimina
  2. Gabry! Hai pubblicato le foto di William Levy, l’uomo più bello del mondo: uuaaaoooo!!! Che fico e che foto! Sei veramente unico, un altro uomo non l’avrebbe fatto. Sei unico insuperabile, in una parola grande!!! Grazie, le posto sul mio Samsung cosi tutte schiattano di rabbia! 3 baci e un abbraccio. Nina Volpe66

    RispondiElimina
  3. Caro Gabry!
    Seguo il tuo blog sulla didattica. Ti ho contattato ad agosto per il concorso sulla didattica, ma spesso mi soffermo su Amore Psiche Gabry. E’ più ricco di articoli e foto, ma c’è davvero di tutto. Dal gossip (inutile, lo accetto solo per i ragazzi in cerca di foto) alle spigolature storiche, alle biografie, all’arte ecc. Belle tue poesie dedicate a chissà chi!!! E le risposte erotiche delle tue fan. Certo per uno che ne ha viste tante scendere nell’agone del sesso e dell’amore vuol dire che hai ancora tanto da dare. Sai ho imparato, grazie a te, a usare un po’ il PC. Ma solo per cercare il tuo sito e quello didattico. Il per il resto lo usa mia figlia. Pensavo di essere vecchia per certe cose, e invece …..! Mi sono data una scossa e a 53 anni ho scoperto di essere ancora femmina ….. e mio marito non manca di puntualizzare che sto mettendo un po’ troppo la testa fuori dal sacco. Scherzi a parte queste letture sono per me una botta di vita. Mi ero già rassegnata ad essere nonna e ….. invece mi fanno perfino i fischi per strada. Quando si dice che ….. un Bolg allunga la vita. Ti dirò, mi piaci anche se credo tu sei più giovane di me o mi sbaglio. Ma dai commenti che ti fanno sei molto ricercato. Ti seguo sempre, sono una di quelle innamorate di Colazione da Tiffany’s! un sogno immortale come tu dici. Ti abbraccio. Lella59


    RispondiElimina
  4. Gabry, che cosa sei!!! Stai mettendo certe gnocche che mi disturbano il basso ventre. Sei sempre una lenza! Anzi un mostro, hai superato quota 50.000 e non ti ferma nessuno. Ti mando del materiale per articoli. Ciao. Davide Marino

    RispondiElimina
  5. Ciao. Sono sempre io Lorenza Milani, una delle padovane del gruppo Lunardi. Qui tutti parlano sempre di te come l’apostolo dell’amore. Tutte vogliono chiedere delle cose, avere dei consigli e altre … diciamo, vorrebbero dartene. Io, se ricordi, sono la più riflessiva perché, a loro dire, lavoro in un ufficio notarile. Ciò nonostante, effettivamente, devo riconoscere, dopo la continua lettura del tuo blog, che le parole che usi nei confronti delle donne fanno sognare. Nonostante il notariato, nel mio caso, solo alcune pellicole e certi romanzi - saggi sull’amore e l’erotismo mi fanno vibrare. Tu, invece, mi colpisci come un felino, mi azzanni alla gola, per me non c’è scampo. Il mio animo si ciba d’amore, e la donna in genere, anche la più sprovveduta, giovane o vecchia, se viene stimolata nella passione, nell’erotismo dei gesti e nella femminilità si ubriaca subito. Prova l’ebbrezza nascosta del proprio es, si mette a nudo mentalmente e fisicamente a chi permea la sua anima! Il tuo volto e le tue parole sono come una droga. E dire che non ne conosco la modulazione. Eppure Lucrezia, che è venuta da te, dice che è talmente intensa e profonda che a volte ascolta le vibrazioni e ne perde il significato. Possibile? Eppure Lucrezia è molto presa di te. Io a volte la canzono dicendo che ascolta le sirene! Eppure vorrei tanto ascoltarla nelle mie orecchie mentre spieghi le tue teorie sull’amore! Diciamo spesso che verremo a trovarti, ma il lavoro e le famiglie si mettono per traverso. Ti penso. Sei il nostro sogno! Lorenza62

    RispondiElimina
  6. Mi piace il tuo volto che sa di maturo, ma dai tratti giovanili. Mi piacciono da morire le labbra opulente, il naso regolare, gli zigomi maschili, il mento insinuante, la fronte spaziosa e luminosa. Quel malcelato ottimismo che trasuda tra il volto e le lenti alla Blues Brothers! Se conoscessi il tono della tua voce mi farei cullare come le onde del mare. Non vado oltre per spudorata decenza, ma lascio tutto alla tua fervida immaginazione! Rosanna Martini63

    RispondiElimina
  7. Si vous voyez un français écrit est le mien, j'espère que vous pouvez traduire bien avec Google. Tu es encore plus intéressant que je l'avais su. Je n'ai jamais trouvé un moyen de passer le film psychologie connu du grand public. Vous êtes un homme intelligent et passionné. J'ai appris qu'en France, nous sommes plus de 2.000 que vous suivez Compliments pour les pensées ne publient pas plus? J'adore Francoise67

    Se vedi uno scritto francese è mio, spero che tu possa tradurre bene con Google. Sei ancora più interessante di come ti avevo conosciuto. Non avrei trovato mai un sistema per far passare la psicologia con film noti al grande pubblico. Sei una persona intelligente e passionale. Ho saputo che in Francia siamo più di 2.000 che ti seguiamo Complimenti per i pensieri non ne pubblichi più? Ti adoro Francoise67

    RispondiElimina
  8. Stai scavando nei meandri della mente e io che ho ancora vergogna per averti scambiato per il solito promoter della rete. Ti ricordi di me, sono Valentina Cornero, la criticona! Forse la prima che ho postato un commento al tuo blog. Da allora io mi sono presa delle strigliate dalle tue “fans” e tu imperterrito hai sfornato ormai quasi 200 post uno più intrigante dell’altro. Sono felice di essermi sbagliata. Anzi è bello constatare che ci sia tutto quello che dici senza secondi fini. Ma oggi è così, meglio ricredersi che essere triturati dal sistema. Che devo dire, se potessi vorrei aiutarti. Ho letto delle tue peripezie! Nella vita mai dire mai. Di donne che hanno l’anima di giuda ce n’è da sempre. Ma che giocano con 3 uomini poche, grazie a Dio. E tu volevi “curare” proprio una che brucia un marito e 2 amanti. Proprio la classica serpe nel seno! Se ne eri preso, inutile dire cambia “cavallo” ma almeno sappi che le femmine vere sono tutta un'altra cosa. Provare per credere. Pensiamo ad altro. Dal blog sulla didattica che hai postato, grazie al pulsante sotto il titolo, so che insegni e sei di Salerno. E’ già qualcosa. Quando ho cercato di decifrare tutte quelle teorie e quelle foto sul cervello e sulla didattica mi sono sentita un po’ a disagio. Ho proprio preso una cantonata, Prof! Però insisto, ora che mi sono ricreduta su te voglio vederti, perché persone così non ne ho viste tante nelle vita. Ti saluto. Un bacio. Valentina Cornero

    RispondiElimina
  9. Ciao, sono Debora! E' bello sapere che continui ad esserci, e che parli d amore come nello dolce stil novo! Tu lo fai per passione, si sente. Sono in una struttura per uno stage di lavoro, ho preso il pc e ti scrivo. Mi manchi, anche se io non sono nulla per te, lo so. Lo sento! Ma a volte dopo quello che dicono le altre, sulle tue controversie affettive, mi chiedo se non è il caso di fare una capatina dalle tue parti con le altre amiche. Davide si è reso irreperibile, dicono sia incasinato per le elezioni. Tutte lavorano a spron battuto per questa maledetta crisi. Le mie amiche d albergo hanno chiesto di collegarsi a te dal pc in camera, ora avrai altre lettrici. Ti saluto. Debora Zanella57

    RispondiElimina
  10. Ciao Gabry!
    Ti ricordi di me? Sono Eugenia Schiavon, quinta colonna delle padovane. Ti seguo con loro da quando hai postato il blog. Che dire, so solo che le tue descrizioni sulla bellezza delle donne sono fantasmagoriche. Semplicemente, in 20 parole, rendi una donna immortale. Per i contenuti, per l’arte, la storia, i riferimenti e quella travolgente sensualità che le fa innamorare. Tutto avviene davanti a lei, trasformi uno spogliarello in un opera d’arte. Ora Frine, poi Canova, poi Goya. In un rutilante carosello di citazioni, senza tentennamenti o cadute di stile. Formidabile! Di recente qui dicono che sei sfortunato in amore! Io non ci credo lo fai per aumentare il desiderio. E se fosse vero, anatemi a chi butta via l’amore. Una merce così rara da strapparsi i capelli. Queste donne o sono cieche o sono sorde o non sono donne vere. Forse burattini inanimati! Eugenia58

    RispondiElimina